Fioruzzi

La protesi di spalla è indicata nelle gravi degenerazioni artrosiche scapolo omerali.

A seconda delle gravità dei casi si possono utilizzare essenzialmente tre tipi di impianto:

  1. Protesi di rivestimento
  2. Protesi "tradizionale"
  3. Protesi inversa (vedi Gallery)

artrosi scapolo omerale, degenerazione articolare, protesi di rivestimento
Artrosi di spalla

L'artrosi scapolo omerale, molto più rara dell'artrosi d'anca o di ginocchio determina una degenerazione articolare spesso molto invalidante soprattutto nei casi con associata lesione cronica massiva della cuffia dei rotatori, con grave risalita della testa omerale.

Il risultato clinico consiste in dolore continuo e netto deficit articolare con grave limitazione dell'autonomia del paziente.

In questi casi estremi la sostituzione protesica dell'articolazione degenerata è l'unica soluzione.


medici specialisti, studio medico, visite ortopediche
Protesi di spalla

In questa immagine a sinistra vediamo un impianto endoprotesico tradizionale (cioè la soloa sostituzione della testa femorale e nessun impianto protesico alla scapola).

A destra una ben più impegnativa protesi "inversa" così definita in quanto nella pratica si invertono i rapporti di geometria articolare fisiologici. Infatti nella scapola si impianta una componente protesica emisferica e la testa omerale viene sostituita con una componente protesica concava.

Questo tipo di protesi si utizza solo nelle forme artrosiche più gravi con completa degenerazione della cuffia dei rotatori, lesione che non permetterebbe la funzione articolare di un impianto tradizionale.

La protesi inversa invece, per motivi tecnici pittosto complessi, permette un ottima particolarità attiva anche senza la cuffia dei rotatori. (Vedi Gallery)


Share by: